Consulenza Finanziaria Piano JUNCKER 2016-2020 e Protocollo COTONOU

Consulenza Finanziaria Piano JUNCKER 2016-2020, BEI – UE e Programma Protocollo COTONOU
Consulenza su Prospectus BEI

BEI: La Banca Europea per gli Investimenti Lussemburgo
Nelle aree obiettivi comunitari: per progetti infrastrutturali ed industriali, nonché per progetti nei settori del terziario.

Nelle zone sviluppate: per progetti di energia, ambiente, innovazione, acqua, parcheggi, trasporti, sanità e istruzione, realizzati da entità pubbliche e private, anche di grande dimensione, inoltre per qualsivoglia progetto di investimento realizzato dalle PMI.

Le modalità di intervento essenzialmente attraverso il sistema bancario sono le seguenti:
Concessione di prestiti individuali per iniziative il cui costo va da 1 milione di Euro a 25 milioni di Euro, con finanziamenti che possono arrivare fino al 50 % del costo degli investimenti.

In alcuni casi i prestiti individuali possono essere accordati anche per investimenti di costo inferiore purché si tratti di progetti significativi (ad esempio nel settore dell’innovazione).

La restante parte si apporta con Contributi a fondo perduto Europei nella misura del 30-40 % e con la differenza dell’Equity 20 o 10 del soggetto proponente.

 

Attualmente Smart Cities Italy  STA PROVVEDENDO AD INDIVIDUARE CON IL MISE E IL MEF la possibilità di ottenere la corresponsione di contributi a fondo perduto da parte delle Regioni su progetti approvati  e finanziati dalla BEI .

Per ulteriori chiarimenti inviaci la tua richiesta clicca Clicca QUI

Consulenza su Basilea 2
Assegnazione Rating Esterno – check up Ultimo Bilancio

Consulenza Aziendale Internazionale e Analisi Bilanci Societari

La Tua società è in regola?
Sei preparato a fornire le giuste risposte quando la Banca Ti chiederà di adeguare il bilancio ai parametri di Basilea 2?
L’obbligo per le PMI è l’ottimizzazione del proprio rating in funzione del credito bancario attraverso la Gestione dei necessari adeguamenti patrimoniali, contattaci per un check-up dell’ultimo bilancio.

Progetti PROFIT nei Paesi Africani

Lo Studio professionale comunicherà le Banche africane convenzionati con la BEI.
Le operazioni finanziabili sono per progetti rigorosamente privati a reddito.
Il finanziamento è articolato nel seguente modo :

  • 50 % Mutuo BEI a tasso agevolato rimborsabile in 10/15 anni tramite banche convenzionate;
  • 20% Equity UE (Cotonou) tramite BEI rimborsabile a durate da convenire. L’Equity viene messo a disposizione senza garanzie, senza interessi, senza pretendere dividendi e a rischio cambio sopportato dalla UE;
  • 30% Capitale d’impresa. Per le aziende italiane potrebbe intervenire anche Simest. L’assetto dei Soci può essere composto totalmente da Africani ovvero anche in partnership con soci europei, asiatici, americani e oceanici.

Per potere accedere ai finanziamenti BEI ed al Fondo Equity è necessario:

  1. la determinazione del rating Basilea su base ultimi tre bilanci impresa. Per le newco non è necessario il rating Basilea.
  2. Elaborazione del Prospectus Europeo.

Per ulteriori chiarimenti inviaci la tua richiesta clicca Clicca QUI

Consulenza su Finanziamenti Piano Juncker 2016 – 2020

Il programma JUNCKER 2016-2020 prevede per le Regioni contributi europei per euro € 30miliardi (pari ad oltre il 70 % dell’ammontare globale assegnato all’Italia).
A questi contributi sono abbinabili fondi nazionali
, soprattutto fondi BEI. Una parte importante dei fondi BEI può essere attivata dalle Regioni mediante accordi con la BEI stessa, in modo tale da collegare i progetti per i quali sono stati deliberati i contributi a fondo perduto con banche scelte dalle Regioni alle quali vengono convogliati i fondi BEI.

Con questo sistema si chiude un cerchio estremamente virtuoso a tutto vantaggio degli Enti Pubblici e delle Imprese.
Il sistema Regioni/Banche BEI è stato già attivato dalla Regione Lazio (finanziamento BEI euro150 milioni) e dalla Regione Puglia (finanziamento BEI euro 450 milioni di cui 150 erogati).

Si appalesa quindi e in definitiva conveniente per le tutte le altre Regioni attivare lo stesso sistema, tenuto
conto della corposità dei contributi UE per le Regioni disponibili dal2016 al 2020.

Per ulteriori chiarimenti inviaci la tua richiesta clicca Clicca QUI

Consulenza su Programma “COTONOU”

Accordo di Cotonou

Accordo di partenariato 2000/483/CE — tra i Paesi ACP e l’UE

QUAL È LO SCOPO DELL’ACCORDO DI PARTENARIATO?

L’Accordo di Cotonou è la colonna portante della partnership tra l’UE, i Paesi dell’UE e 79 Paesi dell’ Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP).

Esso mira a ridurre la povertà con un’ottica verso la sua eliminazione, a sostenere lo sviluppo economico, culturale e sociale sostenibile dei Paesi partner e ad aiutare la progressiva integrazione delle loro rispettive economie nell’economia mondiale.

PUNTI CHIAVE

Principi principali

L’Accordo di Cotonou è una stretta collaborazione basata su una serie di principi:

  • tra cui la parità dei partner.
  • Sono gli stessi Paesi ACP a definire le proprie politiche di sviluppo.
  • La cooperazione non riguarda solo i governi: anche i parlamenti, le autorità locali, la società civile, il settore privato, i partner economici e sociali svolgono un proprio ruolo.
  • Gli accordi di cooperazione e le priorità variano in base a diversi aspetti, come, ad esempio, i livelli di sviluppo dei Paesi.

Organizzazione

Sono stata create istituzioni congiunte per sostenere l’attuazione dell’Accordo di Cotonou:

  • Il Consiglio dei ministri ACP, assistito dal Comitato degli ambasciatori:
    • conduce il dialogo politico;
    • adotta linee guida politiche; e
    • prende le decisioni per attuare l’Accordo.
  • Esso presenta una relazione annuale sullo stato di avanzamento dell’ Assemblea parlamentare paritetica ACP-UE. Quest’organo consultivo formula raccomandazioni sulla realizzazione degli obiettivi dell’Accordo.
  • La commissione mista ministeriale ACP-UE discute questioni di interesse commerciale per tutti i Paesi ACP. Vigila inoltre sulla attività di negoziazione e attuazione degli accordi di partenariato economico. Esamina anche l’impatto dei negoziati commerciali multilaterali sugli scambi ACP-UE e lo sviluppo delle economie ACP.
  • Il comitato di cooperazione per il finanziamento dello sviluppo ACP-UE esamina l’attuazione della cooperazione per il finanziamento dello sviluppo, monitorandone i progressi.

La dimensione politica

La dimensione politica dell’Accordo di Cotonou è importante e include:

Attività

L’accordo include attività di cooperazione per potenziare:

  • lo sviluppo economico incentrato sui settori industriale, agricolo o turistico dei Paesi ACP;
  • lo sviluppo sociale e umano per migliorare i servizi sanitari, educativi e nutrizionali; e
  • la cooperazione regionale e l’integrazione per promuovere ed espandere il commercio tra i Paesi ACP.

Queste attività sono finanziate attraverso il Fondo europeo di sviluppo.

L’accordo è conforme alle regole dell’ Organizzazione mondiale del commercio e consente agli Stati ACP di partecipare pienamente al commercio internazionale.

Revisione dell’accordo

L’accordo è stato firmato nel 2000 e giungerà al termine nel 2020.

È stato recentemente rivisto nel 2017 (Decisione (UE) 2017/435). Nel 2010 l’accordo è stato adattato al fine di focalizzarsi su aspetti quali:

I negoziati per un nuovo accordo devono iniziare entro agosto 2018.

Nel 2016 è stata adottata una comunicazione su una nuova partnership per il periodo successivo al 2020. Essa:

DA QUANDO SI APPLICA L’ACCORDO DI PARTENARIATO?

Si applica dal 1° aprile 2003, in quanto l’ultimo strumento di ratifica o approvazione è stato depositato il 27 febbraio 2003.

CONTESTO GENERALE

Per ulteriori informazioni consultare:

DOCUMENTO PRINCIPALE

Accordo di partenariato 2000/483/CE tra i membri del gruppo degli Stati dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico, da una parte, e la Comunità europea e i suoi Stati membri, dall’altra, firmato a Cotonou il 23 giugno 2000 (GU L 317, 15.12.2000, pagg. 3-353)

Modifiche successive all’accordo di partenariato 2000/483/CE sono state integrate nel testo originale. Questa versione consolidata ha solo valore documentale.

DOCUMENTI CORRELATI

Dichiarazione congiunta del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri riuniti in sede di Consiglio, Parlamento europeo e Commissione (GU C 210, 30.6.2017, pagg. 1-24)

Decisione (UE) 2017/435 del Consiglio, del 28 febbraio 2017, relativa alla conclusione dell’accordo che modifica per la seconda volta l’Accordo di Partenariato tra i membri del gruppo degli Stati dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico, da una parte, e la Comunità europea e i suoi Stati membri, dall’altra, firmati a Cotonou il 23 giugno 2000, come modificato a Lussemburgo il 25 giugno 2005 (GU L 67, 14.3.2017, pagg. 31-32)

Comunicazione congiunta al Parlamento europeo e al Consiglio: Una rinnovata collaborazione con i Paesi dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico (JOIN(2016) 52 final, del 22.11.2016)

Per ulteriori chiarimenti inviaci la tua richiesta clicca Clicca QUI

BASEL 2 SPECIALIST
Consulenza su Programmi dell’unione Europea Nei Paesi Non Aderenti All’ Unione Europea

  1. Il Programma “MED” : copre l’area geografica relativa ai Paesi non comunitari rivieraschi del mediterraneo (quali Turchia, Tunisia, Egitto, Giordania, etc.) e finanzia oltre ad iniziative a carattere pubblico, investimenti privati da realizzare prevalentemente in collaborazione tra imprenditori locali e imprenditori dei Paesi
    membri dell’Unione.
    Si avvale di forme di co-finanziamento tra la Commissione di Bruxelles e la BEI.
  2. Il Programma “PHARE”: copre l’area geografica dei Balcani (Croazia, Serbia, Bosnia, Albania, etc.). Il PHARE è un contributo a fondo perduto su risorse della Commissione, ed opera in co- finanziamento con i prestiti della BEI potendo coprire fino al 70% del costo di ogni progetto nei settori privati e fino al 100 % nei
    settori pubblici.

Per ulteriori chiarimenti inviaci la tua richiesta clicca Clicca QUI

La mission di Smart Cities Italy è quella di fornire un valido servizio di supporto informativo a cittadini, imprese e istituzioni riguardanti la Consulenza Finanziaria Piano JUNCKER 2016-2020.
Aiutiamo i nostri partner
accedere all’opportunità di finanziamento dell’Unione europea.


 

Richiedi Informazioni

Compila il seguente modulo per ricevere ulteriori informazioni senza impegno:

    Ho letto l'informativa relativa alla protezione dei dati personali ai sensi del Regolamento UE 679/2016 e acconsento al trattamento dei miei dati personali.

    Desidero ricevere newsletter a scopo informativo e promozionale riguardanti gli argomenti trattati da Smart Cities Italy Informativa

    * Premendo il pulsante Invia si acconsente all'utilizzo dei propri dati personali per l'invio di informazioni relativamente agli argomenti trattati da questo sito.
    Le informazioni fornite verranno trattate nel rispetto della normativa sulla privacy, ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo del 30/06/2003 n. 196


    Smart Cities Italy è a disposizione per supporto, chiarimenti e informazioni per un contatto clicca QUI.

    Associazione Smart Cities Italy
    Sviluppo e riqualificazione del territorio

    Menu